Il Golfo Ligure - Hotel Bellavista | San Bartolomeo al Mare

Reception:
Riviera dei Fiori - Italy
tel. +39 0183 400030 - fax +39 0183 404486 -

Booking online

arrivo partenza
adulti bambini età
0-2 3-12
PRENOTA ORA
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Golfo Ligure


Il territorio della provincia di Imperia è conosciuto dai più anche sotto il blasonato nome di “Riviera dei Fiori “.


La natura ha voluto favorire questa area geografica donandole un microclima dolcissimo e paesaggi che calamitano l’occhio del visitatore. Un contrasto incredibile che in pochi chilometri spazia dal mare,dagli olivi,dai vigneti, dalle coltivazioni di fiori e dalla macchia mediterranea alle Alpi Liguri che si ergono ben oltre i 2000 metri immediatamente a nord del territorio imperiese, a barriera contro le correnti fredde ed a limite geografico del clima mite mediterraneo per automasia.


Già dalla fine dell’ 800 era una zona frequentata dagli inglesi e dai russi: oltre un secolo di attività turistica costituisce la miglior referenza sulla reale vocazione di questo territorio, costellato di borghi antichi e orlato da una lunga spiaggia sabbiosa.


Il clima mite ( 3000 ore di sole ) consente di soggiornare qui tutto l’ anno. Ci sono giorni in cui anche in pieno inverno, il lungomare, sinuoso nastro che si srotola da Capo Berta a Cervo è affollato come a Ferragosto. Impagabili le passeggiate sulla spiaggia nel silenzio, rotto solo dalle strida dei gabbiani e dalla risacca.


Il Golfo di Diana è come l’ ombelico della Riviera: situato in una posizione baricentrica nel Ponente ligure consente di compiere varie escursioni nell’ arco di un’ora o poco più. Da una parte Genova, il capoluogo di regione, offre mostre importanti al Palazzo Ducale, l’ acquario e il porto antico, riconquistato con il “ bigo” di Renzo Piano; ancora una manciata di km e trovate Portofino, Camogli e Santa Margherita. E dall’altra, ecco la Costa Azzurra: il Principato di Monaco con il casino,il museo Oceanografico e i Giardini esotici, ma anche Eze Village, Nizza, Cannes e , perché no, la scenografica Saint-Paul de Vence, culla di tanti artisti.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu